Blog di Felter Roberto

La palestra in cui "mi si vede nell'esercizio delle mie idee". Pronto a confrontarle con gli altri.

Menu Close

ehi tu! hai notato che è l’anno nuovo?

Eh si! Banalmente mi accingo a fare il post del primo dell’anno.
Perchè in realtà non dovrebbe essere poi un momento cosi eccezionale.
Certo, l’anno è nuovo di zecca, ma quello che abbiamo buttato non è che fosse poi cosi vecchio, avrà avuto un anno a far tanto. Potere del consumismo.
Forse questo ha un giorno di più, per cui il cambio è favorevole, però, come dice il proverbio:
“Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia e non sa cosa trova!”
Io di solito mi sento un po spaesato, come il tizio che chiede al vigile:
– “mi scusi, il marciapiede di fronte?”
ed il vigile:
– “di la, dall’altra parte della strada!”
– “che palle, ero di la e mi hanno mandato di qua”.
ecco, io di fronte al nuovo anno sono sempre un po cosi…

Però questa volta, al contrario di molti altri capodanno, ho una sensazione strana, di quelle tipo i cani prima di un terremoto, di quelle tipo la quiete prima della tempesta.

Per cui questa volta a capodanno voglio fare qualcosa che di solito non faccio:
augurare il buon anno a me.
Se succederà veramente qualcosa di importante, vorrei che fosse con un minimo di buona sorte.
Inoltre ho sempre amato il numero 8 ( non sto facendo il ruffiano per tenermi buono questo anno) e se qualcosa dovesse cambiarmi la vita, avrei piacere che lo facesse in un anno cosi.
Ora che ho scritto questo, mi siedo e aspetto…
Come cane non sono mai stato il massimo, per cui non è detto che le mie sensazioni siano giuste.
Ok, va bene! un buon anno anche a te, però non cosi… a GRATIS, solo se ti impegnerai almeno quel minimo che serve per lasciare un commento. Uno qualsiasi, anche solo il nome. Altrimenti… ciccia.